sabato 9 febbraio 2013

Pane bufalino

L'acqua della mozzarella di bufala non è acqua. Infatti contiene siero di latte, grassi, sale, insomma che è quasi un alimento, ed è un vero peccato buttarla via.
Ok, tenerla, ma per fare cosa? Io ci ho fatto il pane, e il risultato è stata una pagnotta particolarmente morbida, saporita e dal profumo eccezionale.

Ingredienti: Acqua di una mozzarella di bufala (circa 200 g), 130 g di acqua, 1 cucchiaino di malto d'orzo, 1 cubetto di lievito di birra, 200 g di farina integrale, 300 g di farina tipo 1, 9 g di sale, 1 filo d'olio extravergine.

Sciogliere il malto di birra nell'acqua tiepida, sbriciolarvi il lievito e lasciar schiumare.
In una ciotola capiente mescolare le due farine e il sale, aggiungere l'olio, quindi il lievito sciolto in acqua e l'acqua della mozzarella.
Impastare energicamente fino ad ottenere un impasto morbido ed omogeneo. Coprire con un panno e lasciar riposare in luogo tiepido finché e raddoppiato di volume.
Sgonfiare l'impasto,  rimetterlo nella ciotola e lasciarlo lievitare di nuovo.
Ungere uno stampo rettangolare, disporvi l'impasto manipolandolo il meno possibile, coprirlo e lasciarlo lievitare finché raggiunge i bordi dello stampo.
Nel frattempo scaldare il forno a 220 °C.
Cuocere il pane a 220 °C per 15 minuti, quindi abbassare il termostato a 200 °C e cuocere per altri 15 minuti e completare a 180 °C per 18 minuti.
Sformare il pane su una gratella e lasciar raffreddare.
Avvolto in un telo da cucina questo pane si conserva morbido per una settimana.