sabato 28 dicembre 2013

Pasta e patate con caviale di aringa

A me piace il caviale, lo ammetto, ma ovviamente non me lo posso permettere, nemmeno tra Natale e Capodanno. Escludendo per ovvi motivi le uova di lompo, che sono di una schifezza mai vista, avevo pensato di ovviare al mio insano desiderio di crostino di pane nero con burro e caviale usando le uova di salmone, se non che sono incappata in quelle di aringa, che non avevo mai provato. E quindi...
Il crostino effettivamente è venuto benissimo, non è caviale di storione e nemmeno finge di esserlo, però è davvero molto molto buono, se non che nella confezione ce n'è di più di quanto serva a soddisfare la mia voglia, così mi sono dovuta immaginare un riutilizzo dell'avanzo.
Questo è il risultato.

Ingrenti (x 2 persone): 3 patate medie, 1 cipolla, 180 f di fusilli, 2 cucchiai abbondandi di caviale di aringa, sale, peperoncino, olio extravergine.

Sbucciare a tritare finemente la cipolla, rosolare in poco olio, unire le patate tagliate a tocchetti, rosolare per qualche minuto, quindi aggiungere un po' di acqua calda e stufare a fuoco basso.
Cuocere la pasta al dente, aggiungerla alle patate, aggiungere un po' di peperoncino sbriciolato e continuare la cottura aggiungendo se necessario ancora un po' di acqua di cottura.
Aggiungere le uova di ariga e un filo d'olio, alzare il fuoco e mantecare la pasta.
Servire caldissimo.