domenica 16 luglio 2017

Cheesecake al burro di arachidi

Recuperata nientepopodimeno che sul New York Times, questa insolita torta pare essere una delle tradizionali per il quattro di luglio. Abbastanza semplice da fare, nonostante abbia abbastanza calorie da spedire un uomo su Marte, mentre la si mangia sembra leggerissima, grazie alla combinazione di sapori che non dà la caratteristica sensazione di bocca felpata dei cibi contenenti molti grassi. Una torta da mangiare di rado insomma, ma davvero capace di stupire.

Ingredienti
per il biscotto: 85 g di burro fuso, 150 g di zucchero, 75 g di cacao amaro, 60 g di farina 00, un pizzico di sale
per la crema: 200 cc di panna fresca da montare, 1 vasetto (c.ca 350 g) di burro di arachidi fine, 250 g di formaggio spalmabile non light (io ho usato uno spalmabile di capra, dato che detesto il sapore del tipico formaggio usato per queste torte), 133 g di zucchero scuro, 1 bustina di zucchero con semi di vaniglia, qualche cucchiaio di glassa per torte al cioccolato.

Preparare il biscotto mescolando tutti gli ingredienti in una ciotola e lavorandoli con le dita in modo da avere delle briciole ben unte. Versare in una tortiera rivestita di carta da forno e spianare con le dita fino a coprire uniformemente il fondo risalendo un poco lungo i bordi. Infornare in forno già caldo a 180 °C e cuocere una decina di minuti o finché la crosta è ben asciutta. Sfornare e mettere la tortiera a raffreddare su una grata.

Montare la panna finché è ben solida e mettere da parte.
In un'ampia ciotola sbattere con uno sbattitore elettrico a media velocità il burro di arachidi col formaggio e lo zucchero fino ad ottenere un composto omogeneo.
Versare nella ciotola la panna montata e, con l'ausilio di una spatola, incorporarla delicatamente al composto.
Versarla sul biscotto freddo.
Mettere la tortiera in frigorifero e lasciar assestare almeno sei ore.
Sciogliere la glassa e decorare la torta con l'ausilio di un cucchiaio o di una bocchetta da pasticcere. Una volta rappresa la glassa, sformare la torta e servire.